Partecipa al concorso

CONCORSO FOTOGRAFICO INTERNAZIONALE

Fiesole: il Parco della Rimembranza
e il Monumento ai Tre Carabinieri

Introduzione: Cosa significano oggi il Parco della Rimembranza di Fiesole e il suo Monumento ai Tre Carabinieri (1964), opera dello scultore Marcello Guasti (1924-2019)? Come vengono percepiti dai visitatori odierni e come esprimere tale percezione attraverso l’arte? Per esplorare questi aspetti, e per valorizzare questi luoghi della memoria, la Pro Loco Fiesole, in collaborazione con il Comune di Fiesole, promuove un concorso fotografico in occasione della mostra Marcello Guasti, Giovanni Michelucci e il Monumento ai Tre Carabinieri.

Requisiti
Il concorso è aperto a tutti senza quota di iscrizione.

Partecipazione
Ciascun partecipante potrà presentare una proposta composta da 3 immagini fotografiche del Parco della Rimembranza accompagnata da un testo esplicativo in italiano o inglese.

Sezione Ragazzi:
Rivolta a tutti gli studenti delle scuole secondarie di Fiesole. I partecipanti sono invitati a inviare un selfie con il Monumento ai Tre Carabinieri di Fiesole con un testo di accompagnamento.

Premi
Primo premio: 500 € in buoni acquisto Amazon. Le foto verranno esposte in mostra e verranno acquisite dal Comune di Fiesole.
Premio speciale giovani (sotto i 35 anni): 300 € in buoni acquisto Amazon.
Secondo premio: Cena per due persone in un ristorante di Fiesole.
Tutte le opere premiate verranno:
a) pubblicate sul sito web della mostra;
b) stampate a cura degli organizzatori del concorso;
c) esposte in una mostra fotografica presso la Biblioteca Comunale di Fiesole.
Premio speciale ragazzi:
Cena o pranzo a base di pizza per tre persone. Le opere selezionate verranno pubblicate sul sito web della mostra.

Scadenza
1 settembre 2019

Informazioni a:
concorso@guastifiesole.it

Risultati concorso
Primo premio

Vincitore: Edoardo Agresti

Tante volte ho visitato il parco da solo o in compagnia. In una notte estiva ho dato lì il mio primo bacio. Non ero ancora adolescente. Quando ho pensato a come 'raccontarlo' in immagini ho subito immaginato una coppia di fidanzati con alle spalle la scultura del Guasti, ma sarebbe stato troppo scontato e, forse, già visto. Poi ho pensato ad un modo per esaltare quella fiamma e 'staccarla' dall'ambiente di cui fa comunque parte. Ho pensato quindi di utilizzare l'infrarosso, un modo di fotografare sul quale mi confronto da tanti anni. Questo modo di scattare, da un lato, ha reso più scura l'opera del Guasti pur mantenendo i dettagli degli ulivi e dell'ambiente che la circonda. La fiamma si stacca così sull'ambiente. Dall'altro, invece, ha reso il parco quasi mistico, con una sospensione temporale tipica di questo modo espressivo. L'ara sembra così immersa nel silenzio, quel silenzio atto ad onorare i caduti. Non ho voluto inserire l'elemento umano nei miei scatti, mi sembrava superfluo, scontato e parziale. Il Monumento ai tre Carabinieri e il Parco della Rimembranza con l'ara dei caduti, due entità distinte come gli artisti che le hanno 'realizzate', ma complementari l'una all'altra. Ho aspettato le giuste condizioni di luce per alcuni giorni e poi ho scattato. Con il leggero viraggio seppia ho voluto togliere ancora di più il tempo alla fotografia e renderla il più possibile 'infinita' come lo sguardo che si perde dalla terrazza sulla città.

Secondo premio

Vincitrice: Vittoria Govoni

Tante volte sono stata Fiesole, ma non mi ero mai incamminata sulla via di S. Francesco fino ad un mese fa, quando l’ho risalita fino alla cima insieme ai miei nonni: proprio loro, quel giorno, mi hanno fatto scoprire il parco della Rimembranza ed aiutato a saperne di più. Non è una bellezza letterale, prevedibile come potrebbe esserlo un giardino di fiori, ma una bellezza strettamente legata al profondo significato che racchiude. La crudezza del parco insieme con la sua bellezza inaspettata, riesce a catturare le persone, magari farle sedere su una panchina e scatenare in sé le loro più forti emozioni. Il parco presenta sfumature di verde ed è racchiuso da alberi che proprio in questo periodo dell’anno creano un’ombra sottile e piacevole, in grado di rievocare il più dolce pensiero. Ecco, ad un tratto il monumento, la cui targa commemorativa racchiude l’intero significato della scultura. Riporta i nomi dei tre martiri carabinieri che diedero la loro vita per salvare i dieci ostaggi catturati durante la seconda Guerra Mondiale dai soldati nazisti. 

“ALLA FIAMMA DELL’ARMA ATTINSERO FORZA E FEDE PER ESSERE FIAMMA DI UMANITÀ E DI GIUSTIZIA”. 

La drammaticità di una storia così brutale si rispecchia perfettamente nella spigolosità e rigidità della scultura, caratteristiche che la rappresentano perfettamente. Guardando la rigidità della scultura e la crudezza del parco è possibile paragonarla alle persone che si precludono la possibilità di respirare e vivere la bellezza e l’arte che la nostra città ha da offrire, bellezza che deve essere raggiunta come la libertà finalmente ritrovata dagli ostaggi attraverso il così coraggioso gesto dei tre carabinieri di cui non saranno mai scordati i nomi.

Premio speciale giovani (al di sotto dei 35 anni)

Vincitrice: Jake Yulo

In memoria dei Tre Carabinieri, ho scelto di utilizzare lunghe esposizioni digitali ad infrarosso a complemento dell’audace e astratto lavoro scultoreo di Marcello Guasti.
Ogni immagine è un’esposizione di trenta secondi, inquadrata e messa a fuoco manualmente prima di applicare un filtro infrarosso alla lente grandangolare.
L’estetica familiare ed eterea della fotografia ad infrarossi vuole rispecchiare l’esperienza dei visitatori al Parco della Rimembranza – anche coloro che conoscono la storia dei Tre Carabinieri, al loro arrivo rimangono sorpresi. I tre rami che ondeggiano al vento contrastano con l’immobilità dei monumenti mozzafiato, alludendo al passare del tempo, alla storia e alle tradizioni di Fiesole.
Con la vista in lontananza del centro di Firenze, il fogliame rosa in primo piano testimonia l’identità unica di Fiesole come comunità all’interno della Toscana. 
Attraverso questo approccio particolare, il sacrificio finale dei Tre Carabinieri può essere pienamente onorato con una nuova interpretazione di immagini appropriate alla cultura visiva di oggi.

Segnalazioni di merito

Segnalazione di merito: Michelle Ayer, Barbara Cascini, Giovanni Casini

TORNA SU